SEZIONI NOTIZIE

INTERVISTA TCP - Città di Mola, il ds Dammacco: "Ci sentiamo in Eccellenza. Vi svelo i nostri obiettivi..."

di Vito Salvatore Di Noi
Vedi letture
Foto
© foto di Foto: Sergio Porcelli

Volontà di imporsi ad alti livelli per il Città di Mola, realtà sorta sulle “ceneri” della Vigor Bitritto, compagine piazzatasi sul gradino più basso del podio nello scorso campionato di Promozione. Per la neonata società barese vi è l’incognita categoria: facendo leva sui numeri registrati dal Bitritto, il ripescaggio in Eccellenza sembrerebbe a un passo, ma la realtà (per il momento) colloca i molesi in Promozione.

Ai microfoni di TUTTOcalcioPUGLIA.com è intervenuto il ds Danilo Dammacco che, nella sua disamina, approfondisce in primis la tematica di un eventuale ripescaggio:
“Siamo i favoriti principali al ripescaggio in Eccellenza: la nostra è una società solida, che incarna tutti i parametri richiesti dalla LND Puglia in merito a un possibile salto di categoria dalla porta di servizio. Di recente abbiamo anche depositato gli assegni relativi all’iscrizione in Eccellenza: per noi questo è un segnale di non poco conto, perciò al 99,9% di sentiamo nella massima divisione regionale”.

Un riscatto a tutti gli effetti per la piazza: oltre al Città di Mola, è nata anche la Virtus Mola (in sostituzione del Noicattaro, ndr).
“Io sono dell’idea che in una piazza debba esserci un’unica realtà calcistica, perciò avrei preferito che si unissero le forze costruendo una squadra che potesse primeggiare in Eccellenza: così non è stato, in quanto il Città di Mola avrà al timone il solo Marino Liuzzi, mentre la Virtus un gruppo di imprenditori capeggiati da Divella. Rivolgo, comunque, un forte in bocca al lupo anche a loro. Vedremo in che modo la città risponderà a due realtà calcistiche: per quello che riguarda noi, vogliamo costruire un gruppo composto dal giusto mix di gioventù ed esperienza e, in più, abbiamo anche una realtà di calcio a 5 femminile che disputerà la Serie C con il nostro logo”.

Zinfollino in panchina, riconferme importanti e giovani promettenti: cosa ci dice di quello che sarà il Città di Mola?
“Era doveroso riconfermare parte del gruppo dello scorso anno che, secondo me, non meritava assolutamente il terzo posto, ma molto di più: sono stati commessi alcuni errori, ma in linea di massima il bilancio è più che positivo. In panchina ci siamo affidati a Gino Zinfollino che, nel mondo regionale, è una garanzia assoluta: si tratta di un ottimo allenatore e di una persona assolutamente competente. Il Città di Mola punta a sorprendere: siamo ambiziosi, ma allo stesso tempo consapevoli di doverci muovere a piccoli passi”.

Tra le riconferme vi è stata anche la sua, nonostante le diverse offerte pervenutele. Cosa l’ha spinta a proseguire alle dipendenze di patron Liuzzi?
“La mia è stata una scelta di cuore e non economica: ho un legame profondo con Marino Liuzzi e con il suo socio Antonio Mari. Non nego l’interesse di alcuni club, i quali ci tengo comunque a ringraziare: non sono da escludere collaborazioni tecniche di natura esterna, così come già successo lo scorso anno a Molfetta, ma essere il ds del Città di Mola mi rende assolutamente fiero”.

Direttore, un obiettivo per l’Eccellenza e un altro per la Promozione.
“Indipendentemente dalla categoria, vogliamo una nostra casa, un centro sportivo che ci consenta di non emigrare altrove: entro novembre la situazione dovrebbe risolversi con i lavori al ‘Superga’, ma fino a quel momento giocheremo o a Polignano o al quartiere San Paolo di Bari. Agonisticamente, se dovesse essere Eccellenza puntiamo a piazzarci in una posizione medio-alta, dando spazio a tanti giovani, mentre in caso di Promozione vogliamo garantirci il primo posto sin dalle primissime battute di campionato”.

Altre notizie
Martedì 19 gennaio 2021
18:00 BARI Bari, uscite bloccate: situazione Simeri da decifrare 17:30 PRIMO PIANO Promozione, la lettera dei capitani: "Non venga dimenticata la nostra categoria" 17:00 BARI Bari, ecco il primo colpo: Rolando dalla Reggina in prestito 16:30 CASARANO Picerno, diesse Greco: "Casarano? Gara fondamentale per il nostro percorso" 16:00 GRAVINA Gravina-Fasano, è il derby del... vietato fallire. Gaburro cerca i gol
PUBBLICITÀ
15:30 PRIMO PIANO Casarano, Pagliai: "Meritiamo il primo posto. Picerno? Impegno difficile" 15:00 BISCEGLIE Bisceglie-Casertana, arbitra Scarpa di Collegno 14:30 ANDRIA Fidelis Andria, crescono i baby: in tre ai raduni dell'under 14 al CF di Ruvo 14:00 MONOPOLI Monopoli, trattativa interrotta per Giosa e Bizzotto? 13:30 MOLFETTA Molfetta, Bartoli: "A Brindisi per la continuità, la squadra cresce" 13:00 LECCE Lecce, Pisacane saluta Cagliari: "Onorata una maglia gloriosa" 12:30 NARDÒ Nardò, contro l'Andria porta inviolata per la 6^ gara su 12 giocate 12:15 FRANCAVILLA Virtus Francavilla, mercato tra attacco e difesa: le ultime 12:00 BARI L'ex Bitetto: "A Bisceglie un Bari spento e molle, serve altro" 11:45 MOLFETTA Molfetta, Acosta: "Un'emozione tornare al Fanuzzi, sarà un match importante" 11:28 LECCE UFFICIALE - Lecce, per la difesa un nuovo rinforzo: ecco Pisacane 11:00 CASARANO Casarano, Feola: "Concediamo troppo, la strada è ancora lunga" 10:13 LECCE UFFICIALE - Lecce, nuovo rinforzo a centrocampo: arriva Nikolov 10:00 BARI Figc, Gravina: "Bari, le ambizioni non mancano per fare bene" 09:15 LECCE Andreazzoli: "Gabriel con il Lecce ha trovato sicurezza e continuità"